Loading...

News

Fondazione Archeologica Canosina
Home / News / Viaggio tra i sapori e le bellezze di Canosa di Puglia: successo per la Via dei Sensi

Viaggio tra i sapori e le bellezze di Canosa di Puglia: successo per la Via dei Sensi

15/10/2019
  • Viaggio tra i sapori e le bellezze di Canosa di Puglia: successo per la Via dei Sensi

Sapori autentici, profumi inebrianti e panorami mozzafiato hanno caratterizzato la “Via dei Sensi” a Canosa di Puglia lo scorso 13 ottobre. Il tour ha intrecciato archeologia ed enogastromia in un coinvolgente percorso sensoriale ed esperienziale.

Il “viaggio” alla scoperta del sapore e del sapere è iniziato dal Parco archeologico di San Leucio, dove, le guide dell’ass. Amici dell’Archeologia hanno riportato i partecipanti indietro nei fasti della gloriosa Canusium. Successivamente, presso l’azienda Sabino Leone,il mastro fornaio Clemente Cirillo ha deliziato il palato dei presenti con i prodotti più genuini della nostra amata terra: pane e olio. Per l’occasione è stato servito ai “viaggiatori del gusto”, il tipico pane a prosciutto, appena sfornato, ricoperto d’olio appena molito. Accompagnati da Sabino e Nino Leone, i presenti hanno osservato tutte le fasi del processo di produzione delle verdi olive dei maestosi alberi secolari: dalla raccolta alla molitura.

Come terza tappa la cantina Morasinsi, dove il profumo inebriante del mosto ha avvolto i presenti, tra le visite in bottaia e nel vigneto, degustando un buon calice di vino, accompagnati dai giovani intraprendenti Peter e Sveva. Una delizia per il palato e per la vista con il moscato di Puglia e le enormi distese verdi, puntellate dalle svariate piante aromatiche. Difatti, la struttura è situata a cavallo di due paesaggi, l’Alta Murgia e la Valle dell’Ofanto, in un ambiente rurale caratterizzato da colline dolci, creste rocciose e vegetazione arborea e erbacea spontanea: pero selvatico, mandorlo, ferula, asparagina e asfodelo. 

Nel pomeriggio il “viaggio” si è concluso con la visita di Minervino Murge, in particolare con la grotta di San Michele, situata al termine di una vallata, dove anticamente scorreva un fiumiciattolo e con la mostra “Quando l’Ofanto era color dell’ambra” nel Museo archeologico.

Il percorso sensoriale, alla sua prima edizione, ha riscosso notevole successo, difatti, la Fondazione archeologica canosina e l’impresa cultura Tango Renato riproporranno il tour esperienziale il prossimo 10 novembre, con nuove tappe e nuovi percorsi che coinvolgeranno i cinque sensi. Per informazioni è possibile contattare la seguente utenza telefonica 3338856300.

 

I.Pontino-Fondazione archeologica canosina